Privacy Policy

Fondazione Prosolidar adotta tutte le misure per garantire la protezione dei dati personali in adempimento della normativa europea di cui al Regolamento Generale sulla protezione dei dati 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 (di seguito Regolamento), nonchè della normativa italiana conseguente.

Informativa sulla privacy

La presente informativa è resa ai sensi degli articoli 13 - 14 del Regolamento citato.

TITOLARE DEL TRATTAMENTO
Il Titolare del trattamento dei dati è Fondazione Prosolidar, in persona del Legale Rappresentante pro tempore. La sede è situata in Piazza del Gesù, 49, 00186 Roma, Italia.

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI
Fondazione Prosolidar ha nominato il Responsabile della protezione dei dati che può essere contattato nei seguenti modi: email:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO
Fondazione Prosolidar tratta i dati raccolti per finalità di solidarietà sociale in quanto attività istituzionale della Fondazione stessa. Le principali finalità del trattamento dei dati riguardano: raccolta, registrazione, organizzazione, strutturazione, modifica, estrazione, consultazione, uso, comunicazione, raffronto o interconnessione, relative ai progetti di solidarietà sociale pervenuti.
Sono altresì trattati i dati personali relativi allo svolgimento delle attività strumentali, accessorie e connesse alla gestione dell’attività ordinaria della Fondazione.

NATURA DEI DATI
Fondazione Prosolidar tratta dati personali comuni e, solo in limitati ed identificati casi, categorie particolari di dati personali.

BASE GIURIDICA
La Fondazione Prosolidar tratta i dati personali in modo lecito in quanto ricorre almeno una delle seguenti condizioni:

  • l’interessato ha espresso il consenso al trattamento dei propri dati personali;
  • il trattamento è necessario all’esecuzione del contratto di cui l’interessato è parte o all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso;
  • il trattamento è necessario per adempiere un obbligo legale al quale è soggetto il Titolare del trattamento;
  • il trattamento è necessario per il perseguimento di un legittimo interesse del Titolare del trattamento, nel rispetto degli interessi, dei diritti, e delle libertà fondamentali dell’interessato.

CONFERIMENTO DEI DATI
Qualora il trattamento dei dati personali richieda l’espressione del consenso da parte dell’interessato, il consenso sarà espresso in una dichiarazione scritta e l’interessato avrà il diritto di revocare il proprio consenso in qualsiasi momento. La revoca del consenso non pregiudica la liceità del trattamento basata sul consenso prima della revoca.
Qualora il conferimento dei dati derivi da un obbligo legale e/o contrattuale il conferimento dei dati è obbligatorio: ne consegue che qualora i dati non vengano forniti, il Titolare non potrà eseguire i relativi trattamenti.

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO
I dati personali sono trattati mediante strumenti cartacei, elettronici e/o telematici con logiche strettamente collegate alla finalità di cui sopra e, comunque, nel rispetto delle misure tecniche ed organizzative previste dal Regolamento e dalla legge per garantire un livello di sicurezza adeguato al rischio.

COMUNICAZIONE DEI DATI
I dati relativi alle finalità sopra indicate sono trattati da personale che opera sotto la diretta responsabilità del Titolare del trattamento. Per lo svolgimento delle funzioni istituzionali della Fondazione i dati personali possono essere comunicati agli organi istituzionali o agli enti/associazioni/soggetti esterni quali titolari o responsabili del trattamento.
L’elenco completo dei soggetti ai quali i dati sono comunicati è disponibile presso la Fondazione.

DIRITTI DELL’INTERESSATO
Ai sensi del Regolamento l’interessato, nel rispetto delle previsioni normative,
può esercitare i seguenti diritti(1):

Diritto di accesso (art. 15 del Regolamento)
Diritto di rettifica (art. 16 del Regolamento)
Diritto di cancellazione (art. 17 del Regolamento)
Diritto di limitazione di trattamento (art. 18 del Regolamento)
Diritto alla portabilità dei dati (art.20 del Regolamento)
Diritto di opposizione (art. 21 del Regolamento)

DIRITTO DI RECLAMO
Avverso il trattamento illecito dei propri dati personali, l’interessato ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali o all’Autorità giudiziaria.

PERIODO DI CONSERVAZIONE DEI DATI
Fondazione Prosolidar conserva i dati personali raccolti per le finalità sopra indicate per il tempo strettamente necessario alla predette finalità, nel rispetto dei termini prescrizionali o nei diversi tempi eventualmente stabiliti dalla normativa legale e regolamentare di riferimento o necessari per esigenze di giustizia.


(1)Diritti:

  • il diritto di accesso, consente di ottenere dal Titolare la conferma che sia o meno in corso un trattamento dei dati personali e, in tal caso, di ottenere l'accesso a tali dati;
  • il diritto di rettifica, consente di ottenere dal Titolare la rettifica e/o l’integrazione dei dati personali che risultano inesatti e/o incompleti;
  • il diritto alla cancellazione , consente, in specifici casi, di ottenere dal Titolare la cancellazione dei dati personali;
  • il diritto di limitazione di trattamento, consente, in specifiche ipotesi, di limitare il trattamento dei dati personali da parte del Titolare;
  • il diritto alla portabilità dei dati, consente, in determinati casi e rispetto ai soli dati forniti, di poter richiedere la ricezione dei dati personali in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico;
  • il diritto di opposizione, consente di opporsi al trattamento dei dati personali al ricorrere di particolari condizioni.

Via al cantiere per la realizzazione di un ospedale pediatrico di Emergency in Uganda

Il giorno 10 febbraio, ad Entebbe, Gino Strada e Renzo Piano, insieme al Presidente della Repubblica Ugandese Museveni ed al Ministro della sanità Jane Ruth Aceng, hanno dato il via alla realizzazione del progetto di Emergency in Uganda che prevede un centro di eccellenza in chirurgia pediatrica che sorgerà sul lago Vittoria, a 35 km dalla capitale Kampala, su uno splendido sito donato dal Governo.

All’evento ha, altresì, partecipato l’Ambasciatore italiano Domenico Fornara.

La giornata ha segnato un evento di grande rilevanza per il Paese; del resto, ciò, è confermato dal rango delle massime Autorità intervenute.

La Fondazione Prosolidar, nell’occasione rappresentata dal suo Presidente, Giancarlo Durante e dal Segretario Generale Ferdinando Giglio, era stata la prima ad aver aderito al progetto e, prima tra i partner, con un impegno economico pari a circa € 3.700.000 destinati alla realizzazione del blocco operatorio.

In un contesto in cui la mortalità infantile sotto i 5 anni di età è di 138 bambini per mille nati vivi, si impone la sfida di portare sanità di eccellenza e gratuita in Africa.

L’ospedale, il cui completamento è previsto per la fine del prossimo anno, sarà costituito da 3 sale operatorie e 78 posti letto. Funzionerà anche da centro di formazione di giovani dottori e infermieri provenienti dall’Uganda e dintorni.

Inoltre, sarà un centro di riferimento non solo per i pazienti ugandesi ma anche per i bambini con necessità chirurgiche provenienti da tutta l’Africa.

Grande soddisfazione da parte di Prosolidar che rafforza ancora di più le sue capacità di intervento anche dal punto di vista internazionale.


 

 

Rassegna stampa - Massa Finalese 2017

Rassegna delle prime uscite dopo la posa della prima pietra:

27 GENNAIO
Comune Finale - Massa Finalese, una nuova struttura al servizio della comunità. Posata la prima pietra
Comune Finale - Fotogallery della posa della prima pietra della struttura donata da Fondazione Prosolidar
SulPanaro.net - Posata la prima pietra del nuovo centro polifunzionale di Massa Finalese
Modena Today - Posata la prima pietra del nuovo centro polifunzionale di Massa Finalese
Modena 2000 - Posata la prima pietra del nuovo centro polifunzionale di Massa Finalese
Carpi 2000 - Posata la prima pietra del nuovo centro polifunzionale di Massa Finalese
Sassuolo 2000
- Posata la prima pietra del nuovo centro polifunzionale di Massa Finalese

28 GENNAIO
Il Resto del Carlino (articoli di Angiolina Gozzi, apertura di pag. 16:  articolo principale più pezzo di appoggio) - vedi allegato
La Gazzetta di Modena (breve articolo di Valentina Corsini, taglio basso pag. 30) - vedi allegato

 

Alle uscite della posa, vanno aggiunte anche quelle che la annunciavano:

21 gennaio
SulPanaro.net Polivalente di Massa Finalese, iniziati i lavori: venerdì 27 la prima pietra  (nb: è il comunicato finito sugli aggregatori di notizie di Google News e Virgilio)

22 gennaio
Articolo sull'edizione odierna cartacea de Il Resto del Carlino Modena
Modena Today
Centro polifunzionale Massa Finalese, venerdì la posa della prima pietra

23 gennaio
Modena 2000 Venerdì posa della prima pietra per il centro polifunzionale di Massa Finalese
Sassuolo 2000
Venerdì posa della prima pietra per il centro polifunzionale di Massa Finalese
Carpi 2000
Venerdì posa della prima pietra per il centro polifunzionale di Massa Finalese

26 gennaio
Articolo sull'edizione odierna cartacea de La Gazzetta di Modena
Comunefinale.net
Posa della prima pietra per il nuovo centro polifunzionale di Massa Finalese

2017 01 28 gazzetta

Progetti nel mondo

Di seguito le mappe per la localizzazione dei progetti finanziati dalla Fondazione, in Italia e nel mondo.
In rosso gli interventi di Emergenza, in giallo i progetti terminati e in blu quelli ancora in corso.

 
 

Bilancio

Scarica il Bilancio della Fondazione:

La Fondazione ha ottenuto la certificazione relativa al bilancio di esercizio chiuso il 31/12/2017:


La Fondazione ha ottenuto la certificazione relativa al bilancio di esercizio chiuso il 31/12/2016:


La Fondazione ha ottenuto la certificazione relativa al bilancio di esercizio chiuso il 31/03/2016:


La Fondazione ha ottenuto la certificazione relativa al bilancio di esercizio chiuso il 31/03/2015:


 La Fondazione ha ottenuto la certificazione relativa ai due bilanci d’esercizio rispettivamente chiusi al 31/12/2012 ed al 31/03/2014, (12 mesi il primo, 15 mesi il secondo)