Risultati

L'analisi finanziaria dei progetti riguarda l'anno solare 2016 e non l'anno di bilancio, per una questione gestionale, ma dà un ordine di grandezza dell'attività annuale della Fondazione.

È stata fatta una classificazione dei progetti per ottenerne una visione d’insieme. Ogni progetto finanziato è stato classificato con i seguenti criteri :

AREA DI INTERVENTO: è l’ambito in cui il progetto intende intervenire e per il quale si prefigge un obiettivo.

  • Alimentazione, Acqua, Igiene
  • Attività economiche, Infrastrutture, Ambiente
  • Calamità, Emergenze
  • Formazione, Istruzione
  • Salute
  • Sociale e Diritti Umani

BENEFICIARI: sono coloro ai quali è destinato l’intervento.

  • Bambini, Giovani
  • Categorie vulnerabili
  • Comunità
  • Donne
  • Malati, Disabili
  • Rifugiati, Immigrati

AREA GEOGRAFICA: è la parte del mondo nella quale interviene il progetto (con un dettaglio sull'Italia)

I seguenti grafici sono stati realizzati utilizzando come dati di ingresso i valori dei contributi erogati per ciascuno progetto entro il 31-12-2016.


 

 
 
 
 
 
Per quel che riguarda le Aree di intervento si nota che la ripartizione risulta più omogenea rispetto al passato. Nell'analsi dei beneficiari si nota la signifcativa attenzione ai Bambini e Giovani.
Anche i primi fondi raccolti per il terremoto in Centro Italia dell'agosto 2016 sono stati destinati alla costruzione di una scuola e pertanto vengono conteggiati nella fascia Bambini e Giovani.
 

 
 
 
 
 
Nella Distribuzione nel Mondo, la quota signifcativa dell'Europa si deve soprattutto ai progetti localizzati in Italia (93 su 98), mentre in Vari sono racchiusi progetti che insistono su più continenti. Analizzando il dettaglio della distrubuzione in Italia si vede che la quota maggiore andata al Centro Italia, questo è dovuto soprattutto ai finanziamenti destinati al terremoto.

 

Un'altro dato analizzato ha riguardato la fascia di importo in euro nel quale ricadeva ciascun finanziamento, per dare un’idea della distribuzione dei progetti in base alla loro entità monetaria. L’analisi della distribuzione per fasce di finanziamento viene fatta, al contrario, dei dati precedenti sull'importo impegnato per ogni progetto, indipendentemente dal fatto che sia stato o meno erogato; questo dato viene visualizzato sia in base al numero di progetti, sia sulla base monetaria. Si può osservere che mentre sul numero dei progetti vi è una notevole divaricazione, se si analizza l’importo, la distribuzione è piuttosto omogenea.


 
 
 
 
 
 
 

 


 
 
 

Prosolidar partecipa al finanziamento dei progetti in misura variabile. Sono state definite fasce di percentuali di finanziamento rispetto al costo totale del progetto.

Il grafico illustra in una certa misura “la politica di finanziamento”:quasi metà dei progetti riceve un finanziamento superiore all’80% del costo complessivo, mentre l'altra metà progetti riceve un finanziamento compreso tra il 20% e il 50%; la quota dei finanziamenti fino al 20% è marginale e riguarda principalmente cofinanziamenti di progetti della CE o del MAE.

 


Dall’inizio dell’attività della Fondazione sono stati portati a termine 145 progetti, di cui si mostra la distribuzione negli anni. Si osserva un progressivo incremento dei progetti terminati.


 
 
 
 
 

Visualizza i Risultati del 2015