Popolazione dell'Italia Centrale colpita dal sisma - aggiornamento

Come già reso noto, di circa 1.250.000 euro raccolti a favore delle popolazioni dell'Italia Centrale, 250.000 sono stati subito impegnati per il progetto che ha consentito la ricostruzione e l'acquisto degli arredi interni della scuola per l'infanzia a Norcia la cui inaugurazione si è tenuta il 22 dicembre dello scorso anno. Vi erano stati anche numerosi incontri, ad Amatrice, con il Sindaco Sergio Pirozzi al quale era stata offerta la disponibilità di Prosolidar a valutare insieme ulteriori progetti da sostenere al di fuori di quelli già programmati dalla Protezione Civile. Da ultimo, si era ipotizzato di realizzare una palestra da annettere al costruendo plesso scolastico ed utilizzabile dagli allievi della scuola elementare, media e superiore. Il Sindaco Pirozzi si era detto favorevole alla proposta riservandosi di farci avere notizie al riguardo. Dopo numerosi solleciti da parte nostra, trascorsi inutilmente tre mesi, siamo casualmente venuti a conoscenza dell'avvenuta assegnazione del progetto ad altro partner.

Preso atto di tale incresciosa situazione, abbiamo prontamente individuato una valida soluzione alternativa in altro comune del “cratere” altrettanto bisognoso di aiuti, soluzione che è stata fatta propria dal nostro C.d.A. e che, una volta ottenute tutte le necessarie autorizzazioni, verrà avviata per concludersi prevedibilmente in concomitanza con l'inizio del nuovo anno scolastico.

Si tratta, in particolare, del comune di Montereale dove sia la Casa Comunale che la scuola per l’infanzia erano state dichiarate non agibili senza possibilità alcuna di essere recuperate.

Il progetto risolverà ambedue i problemi, poiché prevede un’unica struttura di circa 500 mq complessivi più il portico, nella quale troveranno sistemazione sia gli uffici Comunali che la Scuola. La realizzazione è stata affidata alla ditta Rubner che già aveva realizzato, con risultati più che soddisfacenti, la scuola per l'infanzia a Norcia. Il costo si aggira intorno ai 950.000 euro chiavi in mano.

Non appena firmata con il Sindaco di Montereale, Massimiliano Giorgi, la Convenzione che regolerà il rapporto tra il Comune e la Fondazione, la stessa sarà portata all’approvazione del Consiglio comunale e potrà, quindi, darsi il via ai lavori. I tempi si prevedono molto brevi. 

Di seguito, il prospetto provvisorio di quella che sarà la struttura ultimata.

 

 

13 maggio 2017: si è svolta a Catania la cerimonia per la consegna dei premi " Teresa Sarti Strada"

Come previsto, il giorno 13 maggio 2017, si è tenuta presso l'Istituto Comprensivo "Vespucci-Capuana-Pirandello" Catania, la cerimonia di premiazione degli alunni e delle classi vincitrici della settima edizione del Premio Teresa Sarti Strada promossa dalla Fondazione e organizzata in collaborazione con Emergency.

Fondamentale è risultata per l'organizzazione e la logistica la collaborazione fornitaci dalla sede catanese di Libera tramite il suo responsabile Giuseppe Vinci. Il tema scelto quest’anno era ‘Il Confine’; quest'edizione ha visto la partecipazione di 57 scuole primarie e 68 scuole secondarie di I grado che hanno realizzato 200 elaborati grafici, 200 composizioni scritte e 53 video.

La cerimonia si è svolta nell'Aula Magna messaci a disposizione dalla Dirigenza dell'Istituto catanese cui vanno i nostri ringraziamenti più sentiti. Numerosa è stata la partecipazione di bambini e ragazzi, genitori e rappresentanti del corpo insegnanti.

Una citazione particolare alle due insegnati provenienti da Monfalcone (Gorizia) che, attraversando, nel vero senso della parola, tutto lo Stivale, hanno garantito la presenza della loro classe, 1 Elementare, per il ritiro del premio. La Fondazione Prosolidar era, nell'occasione, rappresentata dal Segretario Generale, Ferdinando Giglio e Sara Gulli che con le colleghe di Emergency, hanno supportato la gestione del Premio. La stessa Emergency era rappresentata dal suo Vice Presidente, Alessandro Bertani e da Chiara Vallania e Bruna Pellizzoni che sovraintendono il "Progetto Scuola" di Emergency.

A conclusione della cerimonia è stato offerto ai presenti un rinfresco arrichito dalle eccellenti specialità preparate dagli amici Sergio e Carmela, responsabili della locale "Associazione Casa di Maria" che, tra le altre cose, accoglie giovani famiglie, ragazze e ragazzi in difficoltà e rifugiati politici offrendo, inoltre, una casa protetta per madri con figli che subiscono violenze. Al termine della cerimonia, un ringraziamento generale e tutti in viaggio per il rientro a casa.

          

     

   

Lettera dal Nepal

Kathmandu - 07 maggio 2017

OGGETTO: Completamento progetto Fondazione Prosolidar

 

Spett.le Presidenza di Fondazione Prosolidar,

Vi scrivo da Kathmandu, nella speranza di trovare le parole adeguate per ringraziarVi dell’immenso aiuto fornitoci per far fronte alle grandi emergenze causate dal sisma che ha colpito il nostro amato Nepal nell’Aprile 2015.

Erano circa le 12, dovevamo ancora metterci a tavola, quando un terremoto di magnitudo 7.8 della scala Richter ha colpito il Distretto di Gorkha, a circa 76 km dalla capitale, Kathmandu, dove vivo da 12 anni con la mia famiglia italo-nepalese, lavorando come Responsabile dell’associazione Apeiron.
 
Il sisma ha ucciso quasi 9.000 persone; i feriti sono stati oltre 22.000.
Si è stimato che la vita di circa 8 milioni di persone (quasi un terzo dell’intera popolazione) abbia subito enormi danni a seguito del sisma.
Nelle aree più colpite, interi villaggi sono stati spazzati via dalle valanghe e dalle frane causate dal sisma.

Quello che è successo quel giorno; le grida, la polvere, la paura: sono momenti che non dimentecherò mai.

Così come non dimenticherò mai uno dei primi messaggi che ho ricevuto in quei momenti concitati. Mi scriveva Elisa Drago, dipendente della Vostra Fondazione, che era ripartita da poco da Kathmandu, alla volta di Calcutta. Era venuta in Nepal per monitorare CASANepal, la nostra struttura protetta per donne vittime di violenza, da Voi co-finanziata l’anno precedente.
In quel messaggio Elisa mi chiedeva come la Fondazione poteva darci una mano.

Quello è stato solo l’inizio di una collaborazione che ha accompagnato Apeiron e le tante persone colpite dal terremoto che hanno beneficiato dei nostri interventi, per molti mesi lungo il difficile percorso volto al ritorno alla normalità.

Ancora il disagio non è finito ed il nostro lavoro sul campo rimane molto importante.
Ma siamo enormemente grati alla Fondazione per quello che ci ha permesso di realizzare.

Insieme, infatti, abbiamo fatto tanto. Anzi, tantissimo:

  • abbiamo distribuito derrate alimentari a 2.340 famiglie del Distretto di Dhading che hanno perso la casa e di conseguenza le scorte dei cereali e legumi ivi stoccati
  • abbiamo distribuito dignity kit a 1.372 incinte e neomamme della Valle di Kathmandu e del Distretto di Dhading.
  • abbiamo costruito 175 rifugi temporanei per famiglie della Valle di Kathmandu e del Villaggio di Jharlang, nel Distretto di Dhading che avevano abitazioni inagibili a causa del sisma.
  • abbiamo costruito 8 strutture scolastiche semi-permanenti nel Villaggio di Jharlang (Distretto di Dhading)

A seguito dell’ultimo intervento appena concluso, abbiamo reso permanenti 2 strutture scolastiche (tra le 8 costruite) con ciò garantendo agli studenti locali di poter finalmente contare su un edificio funzionale e sicuro, volto a rimanere al loro servizio e di coloro che verranno in futuro per lunghissimo tempo.

Durante la cerimonia di chiusura erano presenti numerosi esponenti della comunità e del governo locale che hanno espresso a favore di Apeiron e di tutto coloro che ci hanno affiancati in questi lunghi mesi, parole piene di sincera riconoscenza.  La gente del posto, infatti, sa bene cosa abbiamo passato per raggiungere gli obiettivi che sono ora davanti agli occhi di tutti. Il lavoro, infatti, è stato portato avanti in condizioni davvero difficili e ha messo a dura prova lo staff di Apeiron in Nepal. Ma al tempo stesso ha anche reso tutti noi estremamente fieri del lavoro svolto e degli importanti risultati raggiunti.

Nel villaggio di Jharlang, anche grazie al Vostro importante sostegno, siamo rimasti praticamente solo noi di Apeiron a dare una mano, perché il posto è molto remoto (ci vogliono due giorni di viaggio da Kathmandu per raggiungerlo) ed è necessario lavorare in condizioni quasi estreme. Anche organizzazioni ben più grandi e strutturate di noi hanno desistito.

Siamo quindi pienamente consapevoli che il nostro intervento ha assunto, per la gente locale, un valore che va molto al di là dell’aiuto materialmente prestato.

Scegliendo di restare al loro fianco nonostante le enormi difficoltà abbiamo dato loro un importante segno di speranza. Ed in questo momento, visto il contesto, questo non ha prezzo.

Grazie per averci sostenuto in questo compito davvero impegnativo.

Barbara Monachesi - Apeiron

Premiazione PREMIO “TERESA SARTI STRADA” 2016 - 2017

 

La cerimonia di premiazione degli alunni e delle classi vincitrici avverrà il giorno 13 maggio a partire dalle ore 11,30 presso l'Istituto Comprensivo " Vespucci-Capuana-Pirandello" in via E. De Nicola 1, Catania.

Ricordiamo che il premio di 500,00 Euro alle classi vincitrici, dovrà essere utilizzato, esclusivamente, a favore delle stesse per iniziative di carattere didattico e culturale.

 

ELENCO PREMIATI 

Scuole Primarie

  • Istituto Comprensivo "Giovanni Pascoli" via Lamormora 74016, Massafra (TA) --> Premiato l'elaborato della classe 2B
  • Scuola Primaria "XXV Aprile I.C. Savona 4" Corso Vittorio Veneto 29, 17100 Savona --> Premiato l'elaborato della classe 3A
  • Scuola Primaria "Di Sassa" via Antica Arischia est, 27/C L'Aquila --> Premiato l'elaborato delle classi 1A e 1B
  • Scuola Primaria "N.Gallino" I.C. Pontedecimo, Via Isocorto 1/B Genova --> Premiato l'elaborato video delle classi 5C e 5D
  • Scuola Primaria "Buccio di Ranello" Via Madonna delle Grazie Coppito, L'Aquila--> Premiato l'elaborato video della classe 4A

Scuole secondarie

  • Istituto Comprensivo di Govone Scuola Secondaria ”N.Costa" via Roma, 39 Priocca (CN) --> Premiato l'elaborato scritto della classe 3A
  • Scuola Secondaria di primo grado "R. Fabiani" I.C. Barbarano Vicentino via IV Novembre --> Premiato l'elaborato scritto dell'alunna Serena Farcas della classe 4A
  • Istituto Comprensivo " Vespucci-Capuana-Pirandello" Via Zappalà Gemelli 3, Catania --> Premiato l'elaborato scritto della classe 2D
  • Scuola Secondaria di primo grado "G. Galilei" via San Marco 88, Cesano Maderno --> Premiato l'elaborato video della classe 2C

Premio Speciale

  • Scuola Primaria "Duca D'Aosta I.C. E.Giacich" via O. Cosulich 1 34074 Montefalcole (GO)--> Premiato l'elaborato delle classi 1A e 1B Circolo Didattico "Michele Coppino" via Cirstoforo Colombo,36 10129 Torino--> Premiato l'elaborato di Michele delle classi 1A e 1B
  • Scuola secondaria "Legaccio" via Napoli 60, Geniova --> Premiato l'elaborato scritto della classe 2B

 

Si ringrazia Libera Terra per il supporto e l'Istituto Comprensivo "Vespucci-Capuana Pirandello" di Catania per averci offerto la disponibilità degli spazi per la premiazione.

Bilancio Sociale 2016 - Lettera del Presidente

 

Roma 20 aprile 2017

 

Lo scorso anno è stato segnato dai tragici eventi sismici che hanno colpito tante collettività dell’Italia centrale. In quattro regioni Lazio, Abruzzo, Umbria e Marche, migliaia e migliaia di famiglie sono state private della loro casa, dei loro esercizi commerciali, delle loro coltivazioni, dei loro allevamenti e tante persone, circostanza ancora più drammatica, della loro vita.

La risposta del settore del credito è stata immediata, con lo stanziamento da parte di Prosolidar di 100.000,00 euro dal proprio “fondo emergenze” e con il lancio di una raccolta fondi dedicata tra lavoratori ed aziende del settore stesso che, già a Dicembre, aveva accumulato circa 600.000,00 euro (ad oggi, la raccolta è pari a circa 1.250.000,00 euro). Parte di tale somma, 250.000,00 euro, è stata subito impegnata per un progetto presentato dalla Fondazione Mission Bambini, per la ricostruzione e l’acquisto degli arredi interni della scuola per l’infanzia a Norcia la cui inaugurazione si è tenuta, in tempi record, il 22 dicembre e che ha visto la partecipazione, oltre che delle Autorità e della Presidenza di Prosolidar, di tante famiglie e bambini che, hanno già ripreso, dall’inizio di quest’anno le proprie attività a tempo pieno ed in un ambiente confortevole.

Con il Vice Presidente, negli ultimi mesi dello scorso anno, avevamo anche incontrato, ad Amatrice, il Sindaco Sergio Pirozzi offrendogli la disponibilità di Prosolidar a valutare insieme ulteriori progetti da sostenere al di fuori di quelli già programmati dalla Protezione Civile.

Nell’occasione, si era ipotizzato di costruire una palestra da annettere al costruendo plesso scolastico ed utilizzabile dagli allievi della scuola elementare, media e superiore.

Il Sindaco Pirozzi si era detto favorevole alla proposta riservandosi di farci avere notizie al riguardo. Dopo numerosi solleciti da parte nostra, trascorsi inutilmente tre mesi siamo casualmente venuti a conoscenza dell’avvenuta assegnazione del progetto ad altro partner.

Preso atto di tale incresciosa situazione, abbiamo prontamente individuato una affidabile soluzione alternativa in altro Comune del cratere che, a breve, porteremo al vaglio del CdA.

Per quanto riguarda le nostre attività ordinarie, tutti gli interventi continuano ad interessare una pluralità di aree geografiche ponendo, ovviamente, in giusto conto l’Italia, con l’obiettivo della solidarietà rivolta ad anziani, infanzia, rifugiati, malati, lotta alla fame ed in generale all’emarginazione e sostegno a chiunque abbia bisogno di assistenza.

Pur nei limiti di disponibilità economiche che potrebbero essere sensibilmente maggiori se anche i colleghi che ancora non lo fanno dessero il loro piccolo contributo, nell’anno appena concluso abbiamo gestito un totale di 148 progetti di cui 48 completati e 100 in corso di realizzazione. Dei progetti terminati, 28 sono stati implementati all’estero (18 in Africa, 5 in Asia e 5 in America) e 20 in Italia ( 9 al nord, 6 al centro e 5 al Sud e Isole). Dei progetti ancora in corso, invece, 57 stanno svolgendo le loro attività all’estero ( 5 in Europa, 32 in Africa, 12 in Asia e 8 in America) e 43 in Italia ( 18 al nord, 14 al entro e 11 al sud e isole).

A dicembre 2016 sono stati approvati 22 progetti per un totale di 1.308.877,00 euro compresi 100.000,00 euro del Fondo Emergenze 2016 devoluti a favore delle popolazioni colpite dal terremoto dell’Italia Centrale.

Le richieste di aiuto che riceviamo sono tante e, per quanto ci consentono le nostre disponibilità, ci adoperiamo per sostenere i progetti meritevoli di attenzione delle associazioni, grandi e piccole che, per i risultati conseguiti o in corso di conseguimento, rendono il nostro contributo, nei fatti, un vero e proprio investimento.

Penso, in particolare ad esperienze come quelle di:

  • Made in Goel in Calabria per combattere, attraverso il sostentamento del marchio Cangiari, la ‘ndrangheta e il suo radicamento in tutta Italia;
  • Arte musica e caffè a Napoli per l’inserimento lavorativo nell’ambito gastronomico e cucina take away per persone con disagio psichico;
  • Ciai in Afghanistan per rafforzare il sistema di giustizia minorile favorendo la riabilitazione dei minori e la prevenzione dei reati;
  • La Goccia in Burkina Faso per la realizzazione di un centro di formazione con l’intento di aiutare le donne africane ad emergere da una cultura che le vede tuttora sottomesse e impossibilitate ad emanciparsi;
  • Parmalimenta in Burundi per la lotta contro la malnutrizione dei bambini e delle loro madri;
  • Aifo in Mongolia per la promozione dell’autosufficienza economica delle famiglie nomadi con presenza di persone con disabilità attraverso lo sviluppo di un programma di allevamento rotativo di capi di bestiame.

E poi piccole associazioni come Surf for Children sul litorale laziale, per l’acquisto di attrezzatura tecnica specifica per i corsi di surf destinati ai bambini con disabilità motoria e intellettiva; Romaamor a Roma per il trasporto di pasti preparati da distribuire tra le strade della capitale; Erinna a Viterbo per il Centro che sostiene le donne che decidono di uscire da situazioni di violenza.

La comunicazione continua a rivestire rilevanza vitale per la nostra Fondazione e su di essa abbiamo investito energie e risorse sia per rendere conto, tempo per tempo, della nostra attività, sia per incrementare il numero di coloro che ci sostengono con il loro contributo: una parte, ancora troppo significativa di colleghi non conosce neppure l’esistenza di Prosolidar.

Il sito web e la pagina Facebook della Fondazione forniscono tutte le informazioni, sempre aggiornate, utili per chi vuole conoscere noi e cosa facciamo; numerosi sono stati gli apprezzamenti, sia per la nuova veste che per i contenuti, da parte di quanti li consultano. Sta a tutti noi fare in modo che le visite siano sempre più numerose.

Pur tuttavia i numeri sono in calo: i contributi ordinari pervenuti si sono ridotti di circa 100.000,00 euro (pari a circa 8.300 lavoratori) rispetto ai 2.500.000,00 dell’anno precedente, con un calo di quasi 1 punto percentuale.

Anche al netto della contrazione degli organici di settore, francamente ci aspettavamo qualcosa di più e resta il nostro rammarico di non riuscire a far sì che Fondazione Prosolidar abbia una più amplia platea di persone che intendono condividere un’esperienza ancora oggi unica nel suo genere.

Desidero, quindi, nell’occasione, ribadire l’auspicio che tutti, Organizzazioni Sindacali dei Lavoratori ed Aziende, anche nel loro interesse in termini di immagine, compiano uno sforzo ulteriore al fine di divulgare il più possibile, anche attraverso i propri canali interni, i risultati, senza alcun dubbio lusinghieri, che Prosolidar ha conseguito nel tempo e certamente conseguirà anche in futuro, magari ancor meglio con maggiori disponibilità.

A conclusione di un altro anno di intensa attività, desidero rivolgere un sentito ringraziamento a tutti i nostri Amministratori, rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali e delle Aziende, che condividono un percorso non sempre agevole: il Vice Presidente Agostino Megale, i Componenti del Collegio dei Fondatori, del Consiglio di Amministrazione, dei Revisori dei Conti, per il lavoro svolto insieme e per la costante fattiva collaborazione.

Desidero inoltre esprimere il più vivo apprezzamento al Segretario Generale Ferdinando Giglio per l’impegno e la dedizione con cui svolge il suo ruolo ed alla struttura da lui coordinata – Alessandra Villa, Elisa Drago e Sara Gulli – per l’attenta gestione operativa dei progetti, che ha consentito di mantenere sempre sotto controllo la concreta realizzazione degli stessi.

Una menzione a parte sento di dover rivolgere a Sandra Tomaccini e Manuela Verni per la loro volontaria collaborazione.

Sandra per l’efficace attività di segreteria, di verifica e predisposizione dei pagamenti, di supporto agli organi collegiali.

Manuela per le sue apprezzate elaborazioni statistiche che ci forniscono sempre un quadro preciso ed aggiornato degli interventi effettuati in Italia e nel mondo a favore delle varie categorie di beneficiari.

Grazie, grazie a tutti. Sono certo che la nostra Fondazione sarà capace di operare con l’efficacia, la sensibilità e l’efficienza che ne fanno un esempio che ancora oggi resta unico al mondo.

Il presidente

Giancarlo Durante

Approvati 6 nuovi progetti

Nel corso della riunione di Consiglio tenutasi il 20 aprile 2017 sono stati esaminati i progetti pervenuti alla Fondazione e, dopo un attenta analisi, ne sono stati approvati 6 per un finanziamento complessivo di 423.751,72 euro, nel triennio 2017-2019.

Questo è l’elenco delle associazioni finanziate:

  • A.V.A.D. Associazione Volontari Assistenza Domiciliare      "Costruttori di solidarietà"
  • La casa nel cuore      "Solidarietà per i Bambini Orfani in Albania"
  • Associazione Progetto Continenti Onlus    "Consolidamento della promozione della salute materno infantile per le donne svantaggiate di Hawassa (Etiopia)"
  • Fondazione AVSi     "Sviluppo sociale e agricolo nello Shan meridionale"
  • INTERSOS    "Unità di strada di cure primarie, supporto delle vulnerabilità e accoglienza per la popolazione migrante e residente vulnerabile di Roma"
  • Cittandinanza Onlus      "Sviluppo del centro Paolo’s Home per il trattamento delle patologie dello sviluppo"
 

 

Via al cantiere per la realizzazione di un ospedale pediatrico di Emergency in Uganda

Il giorno 10 febbraio, ad Entebbe, Gino Strada e Renzo Piano, insieme al Presidente della Repubblica Ugandese Museveni ed al Ministro della sanità Jane Ruth Aceng, hanno dato il via alla realizzazione del progetto di Emergency in Uganda che prevede un centro di eccellenza in chirurgia pediatrica che sorgerà sul lago Vittoria, a 35 km dalla capitale Kampala, su uno splendido sito donato dal Governo.

All’evento ha, altresì, partecipato l’Ambasciatore italiano Domenico Fornara.

La giornata ha segnato un evento di grande rilevanza per il Paese; del resto, ciò, è confermato dal rango delle massime Autorità intervenute.

La Fondazione Prosolidar, nell’occasione rappresentata dal suo Presidente, Giancarlo Durante e dal Segretario Generale Ferdinando Giglio, era stata la prima ad aver aderito al progetto e, prima tra i partner, con un impegno economico pari a circa € 3.700.000 destinati alla realizzazione del blocco operatorio.

In un contesto in cui la mortalità infantile sotto i 5 anni di età è di 138 bambini per mille nati vivi, si impone la sfida di portare sanità di eccellenza e gratuita in Africa.

L’ospedale, il cui completamento è previsto per la fine del prossimo anno, sarà costituito da 3 sale operatorie e 78 posti letto. Funzionerà anche da centro di formazione di giovani dottori e infermieri provenienti dall’Uganda e dintorni.

Inoltre, sarà un centro di riferimento non solo per i pazienti ugandesi ma anche per i bambini con necessità chirurgiche provenienti da tutta l’Africa.

Grande soddisfazione da parte di Prosolidar che rafforza ancora di più le sue capacità di intervento anche dal punto di vista internazionale.

26 Emergency 4

Da sinistra: il Ministro della Sanità, il Presidente, l'Ambasciatore Italiano,
Gino Strada e Renzo Piano

 

 26 Emergency 2

Posa dell'alberello beneaugurante

 

                                                         

Posata la prima pietra del nuovo centro polifunzionale di Massa Finalese

 

Come previsto, superata una lunga serie di ostacoli di carattere burocratico, il giorno 27 gennaio si è svolta, in Massa Finalese (frazione di Finale Emilia), la cermonia per la posa della prima "pietra" per la edificazione della struttura polifunzionale che, in un primo tempo, doveva sorgere nel Comune di San Felice sul Panaro, frutto della raccolta fondi a suo tempo promossa a favore delle popolazioni dell'Emilia colpite dal sisma del 2012.

Per la Fondazione Prosolidar erano presenti il Segretario Generale, Ferdinando Giglio, e Alessandra Villa, Responsabile della Gestione Progetti, che hanno portato i saluti del Presidente della Fondazione, Giancarlo Durante, che per impegno non previsto sorpraggiunto all'ultimo minuto non ha potuto partecipare.

Un particolare ringraziamento è andato all'ex Sindaco di Finale Emilia, Fernando Ferioli, che con il suo impegno ha dato una forte accelerazione nella realizzazione del progetto. L'attuale sindaco Sandro Palazzi, di recente nomina, ha poi consentito di assolvere in tempi rapidi tutti i residui adempimenti burocratici.

La posa, in realtà, non ha materialmente riguardato una "pietra", bensì l'inserimento in un pozzetto, poi cementato, di una targa a ricordo dell'evento.

2017 01 27 PosaPrimaPietra IMG 20170127 WA0004

Vai alla galleria fotografica della giornata

Leggi tutta la rassegna stampa

Altro

Buon anno dalla Scuola Minibasket L'Aquila!

Ecco il calendario 2017!

A seguito del terremoto del 2009 i bambini ed i giovani de L'Aquila erano stati privati del luogo dove svolgere attività sportiva anche a livello agonistico nazionale.
L'impegno e la passione di Roberto Nardecchia nonché il finanziamento di Prosolidar consentirono di restituire alla popolazione il "maltolto" con la consegna del "Pala Angeli-Prosolidar".
 

Centro Italia devastato dal terremoto

Norcia 22 dicembre 2016

INVITO Norcia inaugurazione scuola 2016 12 22 DEF

Oggi si è svolta la cerimonia di inaugurazione, con rituale taglio del nastro da parte del Sindaco Nicola Alemanno, del primo edificio pubblico ricostruito nella città di Norcia, la scuola e asilo d’infanzia "Norcia Rinasce".

A rappresentare la Fondazione Prosolidar che, impegnando 230.000 euro ha finanziato l'intera struttura, erano presenti il Presidente Giancarlo Durante, il Vicepresidente Agostino Megale e il Segretario Generale Ferdinando Giglio.

Nel portare il saluto di Prosolidar, il Presidente ha espresso l'apprezzamento per tutti coloro che hanno reso possibile il completamento dell'opera in soli 20 giorni, ed ha dato notizia della decisione assunta dal C.d.A della Fondazione di devolvere ulteriori 20.000 euro per fornire alla scuola anche gli arredi e le attrezzature che consentiranno l'avvio immediato delle attività didattiche.

Numerose le famiglie presenti e ancor più i bambini di tutte le età ai quali altri donatori hanno portato giocattoli e dolciumi in quantità.

E' stata una bellissima festa che ha rappresentato per la popolazione di Norcia una prima, seppur piccola, vittoria contro il "mostro" portatore di tante tragedie. Il nome assegnato alla scuola, del resto, dice tutto!

 

La presidente della Regione Catiuscia Marini, il Sindaco Nicola Alemanno, Agostino Megale e Giancarlo Durante, rispettivamente Vicepresidente e Presidente di Prosolidar

Altro